giovedì 21 marzo 2019

Blogger Love Project: Serie tv che ho visto tratte dai libri

Ciao a tutti amici lettori.
Come procede la settimana? Il giovedì è un pò un giorno di stallo, sia avvicina il fine settimana ma siamo ancora a metà. E' sempre stato un giorno un pò particolare per quanto mi riguarda, ma diciamo che non mi dispiace.
Meglio però che mi interrompo a parlare di giorni della settimana, altrimenti vado fuori contesto e non mi pare il caso visto che il post di oggi è parecchio corposo.

Questo post fa parte del progetto Blogger Love Project.
Se vi siete persi l'introduzione basta che cliccate QUI
Per farvi un breve riassunto si tratta di un'iniziativa della durata di 10 giorno dove alla fine ci saranno due giveaway.
Il primo estratto vincerà i libri, il secondo vincerà la grafica.
Il gruppo fb dove potete seguirci  https://www.facebook.com/groups/774644845910730/
E il file dove potete leggere tutto QUI

Le regole per partecipare

- Vi basterà inserire gli eventi a cui partecipate ogni giorno (le caselle del givvewaysi compilano giornalmente, quindi vi consigliamo di rimanere costanti nel compilarle)!
- Per problemi con le entries potete inviare una mail a sweeyreader@shotmail.it compileremo manualmente le vostre partecipazioni.
A fine post troverete il modulo da compilare.

Ora però passiamo al post vero e proprio che tratta di un tema di cui sono felicissima di parlare.


SERIE TV CHE HO VISTO TRATTE DAI LIBRI 

Come credo ormai saprete sono una fan della saga Outlander la saga di Diana Gabaldon.
Ho cominciato quasi per caso e mi sono appassionata talmente tanto da collezionare tutti i suoi libri. Quando in tv hanno cominciato a trasmettere una serie non potevo che esserne felicissima, ma anche un pò timorosa. Sì perchè quando qualcosa ti piace tanto, hai paura che non venga rappresentato bene e invece devo dire che ormai siamo alla quarta stagione e ne sono molto contenta.

mercoledì 20 marzo 2019

Recensione: Il cielo non è per tutti di Barbara Garlaschelli

Ciao a tutti amici lettori.
La settimana è appena cominciata e qui si blog si prospetta bella ricca, infatti come vedete oggi voglio parlarvi di un altro libro che ho letto da poco. Avevo detto di voler alternare recensioni ad altro, ma siccome il resto della settimana sarà appunto occupato da altro, ho pensato che questa storia doveva essere conosciuta e quindi vediamo insieme com'è.

Ringrazio Sperling per la copia omaggio

Trama

Le città della pianura padana, in estate, quando l'afa invade le strade deserte, hanno qualcosa di allucinato, immobili come sono sotto il loro cielo ingannevole. Silenziose, con quell'eco lontana di campagna che nessuno più riconosce. Desolate e vuote, salvo i pochi abitanti rimasti pe forza: chi non è potuto partire, qualche anziano, le donne straniere che se ne prendono cura e certi ragazzini sperduti nella loro solitudine infantile. Come Giacomo, arrivato ai giardini a bordo della sua inseparabile bicicletta rossa. E come Alida, in compagnia dell'immancabile cellulare. Lui scappa da un funerale, quello del nonno terribile che nessuno amava e che ora tutti compiangono. Lei fugge dalle ossessioni di una madre che vorrebbe controllarle anche il respiro perchè non subisca le sue stesse ferite del corpo e dell'anima. Lui è convinto di essere un assassiono. Lei di essere la responsabile dell'infelicità materna. E con quella sintonia istintiva e naturale, che solo i bambini sono capaci di provare, decidono di andarsene insieme. La loro scomparsa, e la disperata ricerca che subito inizia, costringerà la famiglia di Giacomo e la madre di Alida a fare i conti con i fantasmi del loro passato, con le loro colpe e il loro errori. Li costringerà a essere adulti.

Due bambini che scappano, una copertina che richiama il mio colore preferito sono stati i fattori predonimanti nella mia scelta. Come dire di no a qualcosa che ti attira così velocemente?

martedì 19 marzo 2019

Review Party. Recensione: La corte di rose e spine di Sarah J. Maas

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi il blog è felice di ospitare una lettura in comune davvero interessante.
Insieme ad altre blog infatti oggi partecipo al Review Party dell'ultimo libro di Sarah J. Maas.



Ringrazio la Mondadori per la copia omaggio e Francy di Libri, libretti, libracci per la grafica.

Trama

Una volta tornata al suo villaggio dopo aver ucciso quel lupo spaventoso, però, la diciannovenne Feyre riceve la visita di una creatura bestiale che irrompe a casa sua per chiederle contro di ciò che ha appena fatto. L'animale che ha ucciso, infatti, non ero un lupo comune ma un Fae e secondo la legge "ogni attacco ingiustificato da parte di un umano a un essere fatato può essere ripagato solo con una vita umana in cambio. Una vita per una vita".Ma non è la morte il destino di Feyre, bensì l'allontanamento dalla sua famiglia, dal suo villaggio, dal mondo degli umani, per finire nel Regno di Prythian, una terra magica e ingannevole di cui fino a quel momento aveva solamente sentito raccontare nelle leggende. Qui Feyre sarà libera di muoversi ma non di tornare a casa, e vivrà nel castello del suo rapitore, Tamlin, che, come ben presto scoprirà la ragazza, non è un animale mostruoso ma un essere immortale, costretto a nascondere il proprio volto dietro a una maschera. Una creatura nei confronti della quale, dopo la fredda ostilità iniziale, e nonostnate i rischi che questo comporta, Feyre inizierà a provare un interesse via via più forte che si trasformerà ben presto in una passione dirompente.Quando poi un'ombra antica si allungherà minacciosa sul regno fatato, la ragazza si troverà di fronte a un bivio drammatico. Se non dovesse trovare il modo di fermarla, sanciràla la condanna di Tamlin e del suo mondo...

Ho letto quest'autrice tantissimo tempo fa grazie a delle promozioni su Kobo Store, piccole storie dove c'era come protagonista Celeana. Per mancanza di tempo non l'ho più seguita, ma vorrei recuperarla quanto prima. Ecco perchè questa nuova uscita mi incuriosiva molto ed ero molto curiosa di leggerla.

lunedì 18 marzo 2019

Blogger Love Project Si comincia

Ciao a tutti amici lettori e buon lunedì.
Pronti a cominciare una nuova settimana?
Per iniziarla al meglio io parto bella carica e vi annuncio che oggi comincia ufficialmente il
Blogger Love Project.


Che cos'è?

E' un'iniziativa dalla durata di 10 giorni che ha lo scopo di condividere il nostro amore per i  nostri blog e i blog che seguiamo.

L'obiettivo principale dell'iniziativa è dunque dedicare  più tempo alla comunità della blogosfera.  Per tutta la durata dell’iniziativa ci saranno divertenti mini-challenges a cui sia lettori  che blogger potranno partecipare, e alla fine dell'iniziativa ci saranno due giveaway ad  estrazione tra tutti i partecipanti al Blogger Love Project (in palio saranno messi libri e grafiche)

Il primo estratto vincerà i libri, il secondo vincerà la grafica.
Io ho deciso di mettere in palio Il destino ha le ali di carta di cui vi ho parlato QUI,

Per conoscere gli altri libri vi basta andare su quello delle altre blogger partecipanti. Sì perchè insieme a me ci saranno:
Ely de Il regno dei libri - Juliette di Sweet Readers - Giusy di Divoratori di libri.

In queste mini challange potranno partecipare sia lettori, sia blogger e come vedete attraverso questo calendario non si parlerà soltanto di libri.


Ringrazio  Juliette per la parte grafica

Oggi tocca a Juliette e Giusy aprire le danze, quindi cosa aspettate? Correte da loro, così oltre a scoprire post nuovi potete avere l'opportunità di vincere ben 4 cartacei e il secondo classificato riceverà una grafica gratis. Non sono ghiotti premi questi?
Intanto vi ricordo il gruppo fb dove potete seguirci

https://www.facebook.com/groups/774644845910730/

e il file dove potete leggere tutto nel dettaglio

QUI

E vi avviso che potete anche seguirci su Istagram con l'#BLP 2019.
Ultima cosa il modulo per chi volesse partecipare è










venerdì 15 marzo 2019

Review Party. Recensione Storia di May Piccola Donna di Beatrice Masini

Rieccomi amici lettori.
Come vi avevo detto stamattina, sono di nuovo qui perchè partecipo con piacere al Review Party del libro di Beatrice Masini.


Grazie alla Mondadori per la copia omaggio ed Elisa Impiduglia per l'organizzazione.

Se mi avete seguito su Istagram (QUI se volete farlo) avete potuto vedere che l'edizione è davvero bella e che le illustrazioni sebbene non molte rendono la lettura ancora più completa.
Ma non è solo questo che mi ha conquistata, bensì l'intera storia che consiglio caldamente.


Trama

May è ancora una bambina, eppure ha già imparato che cosa significa cambiare vita. Quando i suoi genitori si trasferiscono con tutta la famiglia da Concord, la loro cittadina, al Paradiso, il luogo dove vogliono creare una comunità ideale, nulla è più come prima. Al Paradiso non si mangia carne, non si sfruttano gli animali, si vestono solo semplici abiti di lino. Certo, ora May può immergersi quando vuole nelle acque luccicanti del lago Walden, cullata dal flauto del Bel Signore. E non capita a tutti di avere per vicini di casa una tribù di indiani e di imparare ad arrampicarsi sugli alberi guidati da una di loro, Due Lune. Ma questa nuova vita, in fondo, May non l'ha scelta, e l'unica via per accettare una realtà che le sta stretta è reinventarla nelle lettere a Martha, l'amica rimasta in città: bastano un foglio di carta e una penna.
Non si dovrebbe cominciare la recensione di un libro parlandovi del finale, però io voglio dirvi che le note dell'autrice sono molto importanti per questa storia e leggendole (io lo faccio sempre, ma in questo caso è ancora meglio) il libro acquista un maggior significato.