lunedì 21 marzo 2016

Recensione: Beautiful di Alyssa Sheinmel

Ciao a tutti i lettori e lettrici.
Eccomi a parlare di un libro che mi aveva incuriosito fin dalla prima volta che ho visto la trama e la cover.
Mi sono buttata in questa lettura piena di aspettative. Devo però, stare attenta perchè quando parto a leggere un libro piena di grandi aspettative, poi resto sempre delusa e anche questo è un caso.




Trama

Maisie è, a detta di tutti, una ragazza carina e fortunata. Ha una vita normale, una famiglia e un fidanzato che le vogliono bene e una passione per la corsa. Una mattina però, mentre si allena, la sua esistenza cambia in modo drammatico. Vittima di un incidente, si ritrova con il viso deturpato e, anche se potrà sottoporsi a un importante intervento chirurgico, non sarà per nulla semplice, dopo, riconoscersi e ritrovare se stessa. 

Una trama che sicuramente è originale, ma che trattata in modo diverso sarebbe stata ancora meglio.
Ma andiamo con ordine.

La voce narrante è Maisie una ragazza come tante. La sua grande passione è correre, è grazie a questo sport che incontra il suo ragazzo Chraig. La corsa però la porterà anche a un giorno a un orribile evento che la cambierà per tutta la vita.
Subisce un incidente e finisce in ospedale, al suo risveglio tutto cambierà perchè è lei stessa ad essere cambiata. Una parte del suo viso non c'è più, non è stata sfigurata ma non c'è proprio e per riuscire a trovare un modo di poter vivere una vita almeno "normale" ha bisogno di un trapianto facciale. Una faccia di una donatrice morta adesso resterà sul suo viso per sempre.

Difficile da digerire no? Una cosa assurda e complicata da sopportare. Quando ritorna a casa è lei ma nello stesso non è più. La sua vecchia faccia non c'è più ad eccezione degli occhi e della bocca, poi è tutto diverso e anche la sensibilità che scompare, le pillole che è costretta a prendere ogni giorno per il resto della sua vita.
Si sente isolata e non compresa. Tutti le ripetono che è fortunata ad essere uscita illesa da un incidente come il suo, ma Maise non si reputa affatto fortunata e vorrebbe che tutti la smettessero di dirglielo perchè non solo loro quelli a dover camminare con una faccia diversa davanti a tutti che non smettono un secondo di fissarla.

Maise è molto giovane, e certi suoi comportamenti sono amplificati. La vediamo non riuscire a rapportarsi con gli altri a causa del suo malessere interiore. Nè Serena la sua migliore amica nè Chirag il suo ragazzo riescono a farle comprendere che l'accettano così com'è adesso, perchè è lei stessa a non accettarsi completamente.
Per molti capitoli assistiamo quindi alle insicurezze di Maise che si trova a dover affrontare a causa del suo intervento. Capitoli questi che, lo ammetto, ho trovato un pò noiosi perchè ripetitivi. Sempre a lamentarsi di qualcosa, non mi è piaciuto il suo atteggiamento di fronte a quello che le succedeva intorno.
Ovviamente è da capire che non è facile, che tutti reagiscono in modo diverso ma la lettura in quei momenti l'ho trovata un pò pesante. E a quel punto la protagonista mi è stata un pò sulle scatole, detto sinceramente.
Avrei preferito una protagonista più combattiva, più forte mentre invece era sempre pronta a lamentarsi per ogni cosa.

Per fortuna il libro si riprende un pò quando Maisie comincia a frequentare un gruppo di supporto per persone che hanno subito gravi danni come il suo. Nessuno di quelli che incontrerà avrà subito il suo stesso trapianto però vedi molte persone, anche ragazze della sua età che reagiscono bene nonostante tutto. Capirà quindi grazie a nuovi personaggi che diventeranno per lei importanti come Adam e Marnie che la vita infondo le ha dato una nuova opportunità, che deve imparare prima di tutto a volersi bene prima di voler bene a qualcun altro.
A quel punto, questa nuova consapevolezza, il suo modo di affrontare tutto quello che la vita le offre la fa cambiare per la seconda volta.

Un finale che lascia aperta la speranza, che ci fa capire come la vita si una dono prezioso, che bisogna tenerne cura a tutti i costi anche a discapito di tutte le cose brutte che ci succedono. Alla fine del libro, vediamo una Maise finalmente maturata e pronta a spiccare il volo adesso che ha compreso qualcosa di veramente importante: è stata davvero fortunata come tutti le dicevano.

Belli anche i personaggi secondari come Serena e Chirag che le sono stati al suo fianco nel bene e nel male anche quando era difficile starle accanto.  Perchè Maisie, ovviamente, non voleva accanto nessuno sentendosi un mostro e non capendo che invece, le persone che ti amano ti vogliono bene in qualunque veste ti ritrovi al loro fianco.

Se non fosse stato per quel lato noioso di cui ho parlato, avrei dato un voto più alto a una storia che alla fine è carina ma non come mi aspettavo.

Ringrazio la Newton per avermi spedito la copia digitale del libro.


Valutazione 3/5






13 commenti:

  1. Ciao Susy! Aspettavo una recensione su questo libro che da un lato mi incuriosiva, ma dall'altro mi frenava molto... Dopo la tua recensione credo che non sarà una delle mie prossime letture, magari più avanti ci penserò =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess,
      si secondo me fai bene a passare avanti e a concentrarti su altro. Non è stata una lettura che mi è rimasta dentro, mi aspettavo decisamente meglio

      Elimina
  2. Anche a me succede sempre di rimanere delusa quando ho delle aspettative altissime :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti delle volte è molto meglio non partire così pieni di attese perchè almeno non si rischia di restare troppo delusi

      Elimina
  3. Credo proprio che lascerò perdere! La tua recensione mi ha proprio aiutata, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia,
      Grazie a te per essere passata :)

      Elimina
  4. Sono un po' combattuta, sinceramente mi incuriosiva però forse è meglio se lascio perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me attirava tanto e poi... Io ti consiglio qualcos altro ma se vuoi farti un'idea tua e leggerlo, poi fammi sapere

      Elimina
  5. Ero curiosa di leggere la tua recensione e sì, come hai già detto tu, concordiamo. Un vero, vero peccato. La cover è molto bellaa (per una volta) ma il romanzo non mi ha fatta impazzire.

    Avrà un posto nella mia libreria? Direi di no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si siamo completamente d'accordo. Cover a parte è stata un po' una lettura deludente

      Elimina
  6. Ora sono mooolto indecisa!!
    Mi sa che lo toglierò dalla lista :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero peccato :(
      io non te lo consiglio o magari mettila in fondo dando la precedenza ad altri così potrai farti un'idea tua ma senza fretta

      Elimina