mercoledì 13 luglio 2016

Recensione: Uno splendido errore di Ali Novak

Buonasera lettori e lettrici.
Ci siete ancora o siete già in vacanza?
Io per adesso mi sto letteralmente friggendo dal caldo ma va bè, penso che molti siano nelle mie stesse condizioni. Fortuna che leggere mi distrae anche dal caldo e quindi almeno sul fronte lettura non è cambiato molto.
Ecco qui una nuova recensione di un libro che per quanto carino non mi ha convinta del tutto.



Trama

Jackie non ama le sorprese e considera il caos il suo peggior nemico. Ha capito presto che il modo migliore per ottenere un po' di considerazione da parte dei genitori troppo impegnati è quello di essere perfetta. E così si è trasformata nella figlia che chiunque desidererebbe: look impeccabile, ottimi voti a scuola, amicizie selezionate. Ma il destino ha in serbo per lei una vera e propria rivoluzione... Un terribile incidente, infatti, le porta via i genitori e Jackie all'improvviso è costretta a lasciare il suo elegante appartamento di New York per trasferirsi in un ranch in Colorado, dai Walter, i suoi nuovi tutori. E non è tutto. I Walter hanno ben dodici figli: undici maschi e un maschiaccio. Jackie si ritrova così circondata dal nemico, da ragazzi chiassosi, sporchi e invadenti che sembrano non conoscere affatto la nozione di "spazio personale". Come potrà adattarsi e andare avanti quando, per mantenere vivo il ricordo dei suoi genitori, sente di dover continuare a essere perfetta?

La voce narrante è Jackie una protagonista molto giovane che si ritrova ad aver subito un lutto enorme, la perdita della sua famiglia in un sol colpo. Poi è portata a vivere con una famiglia numerosa, chiassosa e diciamolo di ceto sociale inferiore al suo.

Lei che ha sempre vissuto in un collegio femminile adesso è circondata da maschi. Decisamente non potrebbe andarle peggio poveretta.
E tutto si complica quando comincia a provare dei sentimenti per uno di loro.

La storia è carina, la scrittura è scorrevole e anche buffa in molte occasioni. Le storie di famiglie numerose rendono sempre divertente e comica qualche scena.
L'atmosfera caotica e familiare della famiglia è una delle cose che ho apprezzato di più del libro. All'inizio Jackie si sente spiazzata da tutte queste persone che vivono in questa grande casa e si sente anche in minoranza, anche se c'è un'altra ragazza in mezzo a loro Parker ma lei si comporta da maschiaccio e quindi non conta.
Lentamente però Jackie riuscirà a entrare nel cuore di ognuno di loro e a farsi volere bene. Non solo, scoprirà che avere una famiglia così grande è davvero bello.

Quello che non mi è piaciuto è il triangolo amoroso, una cosa che detesto.
Jackie è affascinata da Cole è alquanto evidente fin dal primo momento che lo vede, però si lascia conquistare da suo fratello Alex perchè lui è meno imprevedibile e le da sicurezza e lei dopo la morte dei suoi ha bisogno di regole, di sicurezza e di stabilità. Non ce la fa a pensare che tutto sfugga al suo controllo e quindi fa di tutto per fare in modo che tra lei e Cole non ci sia mai niente, peccato che il cuore le dice tutt'altro.

Diciamo che per quanto detesti (e li detesto davvero tanto) i triangoli amorosi perchè si parla sempre dell'indecisione cronica della protagonista, in questo caso Jackie è un pò più giustificata. Tuttavia ho trovato alcune sue scelte che mi hanno fatto scuotere la testa e pensare che si stava rovinando da sola. Alcune situazioni non me l'hanno fatta apprezzare in pieno, per quanto come dicevo aveva una giustificazione valida.

Oltre al triangolo amoroso, non mi è piaciuta questa fine dove si lascia capire che succederà una cosa ma poi non viene scritta. E' un modo molto carino per non lasciarci col fiato sospeso, però nello stesso tempo ci fa restare un pò delusi.

Mha, sinceramente a questo punto provo sentimenti contrastanti di questo libro che nel complesso è stato carino, ma che però mancava di quel qualcosa in più per farmi appassionare totalmente alla lettura.
Spero che ci sarà un sequel e che verrà presto pubblicato. Mi aspettavo decisamente qualcosa di più e chissà che il prossimo non sia più soddisfacente

Valutazione 3/5






6 commenti:

  1. Oddio che titolo!
    Sinceramente, non sono ancora del tutto convinta di leggere questo libro, e anche io sono una di quelle che odia i triangoli amorosi! Però ci sono libri con triangoli strutturati bene e che hanno senso, ma altri sono proprio patetici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente daccordo sui triangoli amorosi io proprio non li posso digerire.
      Spero che ci sia un seguito che porti una bella conclusione per questo libro

      Elimina
  2. Scusami se te lo scrivo qui ma ti ho nominata nel Liebster Award.
    Qui il link: https://milionidiparticelle.wordpress.com/2016/07/13/liebster-award-2/

    RispondiElimina
  3. Ciao Susy aspettavo la tua recensione su questo libro che sicuramente seguirò alla lettera, i triangoli no grazie! Penso che darò spazio ad altre letture prima, sei stata provvidenziale grazie <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely,
      Io aspetto il secondo che spero sia più bello, per adesso questo mi ha un po' deluso quindi si, concentrati su altro

      Elimina