mercoledì 5 ottobre 2016

Recensione: La collezionista di libri proibiti di Cinzia Giorgio

Buondì a tutti amici lettori e lettrici.
Che dite sta per arrivare il freddo? Ieri sera mentre tornavo a casa, ero dispiaciuta di non aver indossato qualcosa di più pesante eppure, stamattina c'è un sole....
Va be al tempo pazzo non ci si dovrebbe più far caso ormai, parliamo invece di libri. 
Questo mi è stato recapitato a sorpresa della Newton che ringrazio per avermi inviato il libro cartaceo.



Trama

Venezia, estate 1975. Olimpia ha solo quindici anni quando conosce Anselmo Calvani, proprietario di una storica bottega d’antiquariato. È un incontro decisivo, Anselmo intuisce subito l’intelligenza e la sensibilità della ragazza e la incoraggia a seguire la sua inclinazione. Giovanissima ma già appassionata lettrice, Olimpia comincia a frequentare il suo negozio, a lavorare lì e, con il suo aiuto, inizia a collezionare preziosi libri messi all’indice dalla Chiesa. Mentre cresce la sua passione per quei volumi antichi, anche quella per Davide, il nipote di Anselmo, segreta e non dichiarata, brucia l’animo della ragazza. E una notte, sospinti dalla lettura dei versi erotici di una cortigiana veneziana, i due cedono ai loro sentimenti…
Parigi, estate 1999. Olimpia vive ormai nella capitale francese. Ha aperto una casa d’aste, specializzata in libri e manoscritti antichi, tra le più quotate ed eleganti della città. Ogni anno riceve da Davide uno strano regalo: un pacchetto che contiene lettere un tempo censurate, insieme a un libro considerato in passato “proibito”, di cui Olimpia riconosce il grande valore. Sono l’eredità di Anselmo... Ma come poteva un modesto antiquario veneziano esserne in possesso? E che legame c’è tra quelle lettere e la bottega da cui provengono?

La copertina e la trama mi hanno attirata subito anche se lo ammetto ero un pò titubante? Perchè? Bhe perchè ogni volta che leggo la parola Libri nel titolo poi ci resto male, perchè alla fine si parla di tutto tranne che di libri.
E invece no, qui il titolo dice proprio la verità.

Qui effettivamente si parla di libri ma non di libri qualsiasi ma di libri proibiti. Perchè proibiti? Bhe perchè non sono stati stampati nell'epoca attuale, ma nell'antichità dove non c'era libertà di stampa, dove si doveva fare attenzione a quello che si pubblicava per non rischiare guai grossi.

La protagonista di questo libro e la voce narrante è Olimpia.
La sua storia comincia da giovanissima. Lei ama leggere come poche alla sua età. Ha 15 anni e nel 1975 leggere non è la priorità del giorno. Per puro caso o se vogliamo dirlo per un colpo del destino, si ritrova nel negozio di Anselmo un appassionato di libri e tra loro nascerà una bella amicizia. Lei vede nel vecchio Anselmo una persona gentile e generosa che le insegnerà i segreti del mestiere e le inculcherà ancora di più l'amore e la passione per i libri, soprattutto quelli antichi.

Dico subito che ho adorato il personaggio di Anselmo, chi noi appassionanti lettrici non avrebbe voluto conoscere un uomo colto come lui che ci fa appassionare ancora di più al mondo dei libri? Perciò in questo caso, Olimpia è stata davvero molto fortunata.

Olimpia quindi comincia a passare sempre più tempo nella bottega e a imparare tutto da Anselmo, approfondendo la sua passione.
Tutto sembra procedere per il meglio, finchè non incontra Davide il nipote di Anselmo. E' un giovane uomo più grande di lei, Olimpia sa che tra loro non potrà mai funzionare vista la differenza di età ma questo non le impedisce di sentirsi attratta da lui. E non solo dalla presenza fisica, ma anche per la sua intelligenza e la conoscenza favolosa che ha dei libri, merito delle scuole che ha frequentato e degli insegnamenti di suo zio Anselmo.

Tra Olimpia e Davide non succederà nulla finchè Olimpia non compirà i 18 anni. E' a quel punto che il giovane le confesserà i suoi sentimenti e per Olimpia sarà una gioia totale. Una gioia però di breve, brevissima durata perchè a causa di agenti esterni la loro storia non sarà destinata a proseguire e Olimpia vivrà la sua prima e cocente delusione d'amore.

La storia a questo punto si sposta nel 1999. Olimpia adesso non vive più nella sua città natia. E' diventata una donna affermata e di successo che ha fatto della sua passione un lavoro vero e proprio, E' felice e soddisfatta, ma il passato torna con prepotenza a bussare alla sua porta sottoforma di lettere. Non lettere normali, ma lettere di una certa Veronica una donna vissuta in tempi antichi che scriveva al suo innamorato e che non faceva mistero della sua professione (la cortigiana) e che scriveva anche nei momenti in cui era proibito.
Per Olimpia è un grosso mistero capire la storia di Veronica, si appassiona e vuole saperne di più, ma soprattutto vuole scoprire come mai le arrivino puntualmente ogni mese quelle missive piene di ardore e di conoscenza della vita di questa cortigiana.

Sarà solo alla fine che scoprirà il mistero e lo farà grazie a una persona del suo passato: Davide.

Una storia scritta bene, scorrevole e perfetta per un'amante dei libri. L'intera vicenda ruota intorno a questi libri proibiti che Olimpia scorge per caso e che l'accompagneranno per buona parte della sua vita.
Per l'amore incondizionato verso i libri, Olimpia non sarà spesso compresa da chi la circonda ma riuscirà a trovare la sua strada incontrando persona che credono in lei e nella sua passione.
Una storia bella che però si "sporca" di una tristezza che mi ha fatto restare un pò male. E' come se ci portasse a riflettere che nella vita non si può avere tutto, che bisogna tenersi stretto quello che possediamo altrimenti ci viene strappato via quando meno te lo aspetti. E soprattutto lancia un messaggio, la vita è troppo breve e bisogna goderla in ogni singolo momento.

Ovviamente non svelo il finale, ma posso dire che Olimpia ha trovato il suo posto nel mondo e questa è una cosa bellissima, perchè spesso lo cerchiamo con fatica ed è difficile trovarlo davvero, ma lei ci è riuscita ed è un gran bella cosa.

Ho apprezzato il messaggio, mi è piaciuta la scrittura che si legge facilmente, ma non riesco a dare un voto alto a un libro in cui avrei preferito un finale diverso. Secondo me c'è stata una sofferenza che poteva essere evitata.

Valutazione 3/5







23 commenti:

  1. Ciao Susy!
    Io l'avrei scansato questo libro a essere sincera ma la tua recensione mi ha messo un po di curiosità, magari ci faccio un pensierino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di averti incuriosita Jessica ^-^
      Magari usala per quando hai il dubbio su qualcosa da leggere anche se ti ho avvisato che il finale non è come dovrebbe essere :P

      Elimina
  2. Ciao Susy come sai questo libro mi ha emozionata molto, sono felice del fatto che lo abbiamo letto in contemporanea così che ora leggendo la tua recensione sono riuscita a cogliere anche le sfumature di ciò che ovviamente non poteva essere svelato. Mi ha commossa questo libro e tanto ma lo apprezzo. Di solito non mi chiedo "e se invece fosse finito che..." perchè prendo la storia come se fosse reale e la vita purtroppo è anche così quindi si mi sono commossa ma non ha fatto diminuire il mio apprezzamento.Se ho ingoiato il finale di "io prima di te" posso ingoiare ogni finale di un libro xD a quello non c'è fine xD Complimenti per questa bellissima recensione cara Susy, davvero complimenti <3 <3 un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely ciao!
      L'abbiamo letto praticamente insieme è vero :)
      Si, dovrei farlo anch'io prendere un libro per com'è, e invece finisco sempre per volere altro perché almeno nei libri mi piace sognare. Tuttavia la lettura è stata piacevole e scorrevole infatti l'abbiamo finito praticamente insieme :)

      Elimina
  3. Come ho detto a Ely nel suo blog, adesso sono ancora più curiosa di leggerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetto di sapere cosa ne pensi Greci :)

      Elimina
  4. Ciao Susy! Bellissima recensione..leggo solo pareri positivi su questo libro che ho iniziato ad adorare già da titolo e copertina..lo leggerò sicuramente, sperando che il finale non deluda troppo anche me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Titolo è cover hanno colpito anche me :)
      Appena lo finisci, fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  5. Ho letto solo pareri positivi per questo libro, quindi penso proprio che non aspetterà molto nella libreria xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi sarò curiosa di sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  6. Condivido tutto! Anche a me il finale ha un po' spiazzato ma per lo stile dell'autrice le ho dato 4/5 stelle
    un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stile è bello, sono daccordo Sara.
      A presto!

      Elimina
  7. Ho visto questo libro citato nei blog, ma la tua è la prima recensione che leggo: sinceramente non avevo intenzione di leggerlo, ma le tue parole però hanno solleticato la mia curiosità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel,
      se lo leggi allora fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  8. Ciao Susy! Proprio come te temo molto i libri che parlano a loro volta di libri (che giro di parole xD), ma la tua recensione mi ha fatto riflettere e magari lo leggerò, anche se i finali deludenti sono una spina nel fianco >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess,
      infatti sono rimasta sempre un pò delusa ma qua si parla di libri davvero, peccato solo per un finale per me un pò deludente...

      Elimina
  9. Ciao Susy!
    Non pensavo fosse anche triste questo libro! Mi dispiace che il finale ti abbia un po' deluso.
    Spero di riuscire comunque a leggerlo il più presto possibile!! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine,
      aspetto con piacere il tuo parere così vedremo se a te riesce a dare sensazioni più belle

      Elimina
    2. Al prossimo giro in biblioteca lo prenoto! ;)
      L'avevo chiesto alla newton in versione ebook più di una settimana fa, ma per ora nessuna risposta :( :( :( :(

      Elimina
  10. ho anche io questo libro da leggere, regalo inaspettato e molto gradito. Spero piaccia anche a me e che non mi deluda il finale

    RispondiElimina
  11. non ero convintissima di questo libro un po' perchè snobbo sempre le storie che descrivono ragazze e libri.. ma devo dire che mi hai incuriosito..magari ci faccio un pensierino..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saya,
      anche io sono come te. Quando leggo che parla di un libro, parto sempre prevenuta ma qui c'è stata una bella sorpresa. Fammi sapere se lo leggi ;)

      Elimina