lunedì 9 ottobre 2017

Rubrica: Parole tra i libri #1

Buon lunedì a tutti amici lettori.
Il lunedì è sempre una giornata pesante da affrontare e questo per chi studia e per chi lavora vero?
Voglio però distrarvi con una novità: una nuova Rubrica.
E' vero che nel blog ne ho tante, ma questa ha una storia particolare e non potevo proprio non partecipare. E' nata infatti dopo una chiacchierata di un libro appena letto, Io e te, (cliccare sul titolo per la recensione) e desidero ringraziare tantissimo Ely per la sua brillante intuizione perchè è soprattutto grazie a lei che è nata Parole tra i libri.
Il banner qui sotto è invece opera di Jessica che secondo me rispecchia perfettamente l'idea della rubrica.




In seguito però si sono unite altre blogger e oggi troverete anche da loro lo stessa Rubrica.

Ma di cosa parla esattamente?
Per chi non avesse letto il libro Io e te, la storia racconta di una Biblioteca particolare dov,e in alcuni libri ci sono dei post it particolari, delle vere e proprie lettere che i lettori si scambiano in una sorta di particolare corrispondenza.

Abbiamo deciso quindi di sfruttare quell'idea creando questa rubrica, in cui parleremo di una citazione in particolare di un libro che abbiamo letto spiegando perchè ci ha colpite.

Le citazioni sono una delle parti più importanti del libro, alcuni restano impresse anche dopo che la lettura è finita ed è bello poterle ricordare per catturare così l'anima del libro.
Le citazioni sono infinite e non è stato facile sceglierne una, alla fine la mia scelta è ricaduta su quella di un libro di Nicholas Sparks, Come un uragano.


Inizialmente la mia scelta era ricaduta su un altro libro, ma poi ho deciso di usare quella di Sparks, che rappresenta uno dei miei autori preferiti, perchè qui nel blog tra non molto ci sarà una sorpresa che lo riguarda, ma ve ne parlerò al momento giusto. Stay Tuned mi raccomando!

Non molto tempo fa in tv c'è anche stato il film legato a questo libro, una storia commovente come tutte quelle nate dalla penna di questo autore.

Ed ecco la citazione che ho scelto



Troppe persone sono convinte che il silenzio sia un vuoto da riempire ad ogni costo, anche se non c'è niente di importante da dire.
Questa è una delle frasi che mi ha colpita molto.
Tendenzialmente sono una persona molto timida che si rifiugia nella lettura e nella scrittura, i silenzi non sono per me qualcosa da guardare con sospetto, ma tutt'altro. Nei silenzi si parla ugualmente senza usare parole. Sembra una frase scontata, ma non lo è. Il silenzio rappresenta una raccolta di pensieri, un modo per osservare ciò che ci circonda senza usare troppe parole.
Non è assolutamente un vuoto da colmare, a volte con i silenzi e con gli sguardi si comunicano molte cose che a volte le parole guastano. Con questo non voglio dire che bisogna stare in silenzio sempre, anzi parlare e confrontarsi è sempre un'ottima cosa. E' bello però ritagliarsi dei momenti in cui riflettere e non usare le parole per riempiere un presunto vuoto che in realtà non esiste per davvero.
Leggere queste poche righe mi ha portato a riflettere che a volte bisognerebbe rispettare alcuni silenzi come se fossero parole non pronunciate perchè sono ugualmente importanti.

Cosa ne pensate? Conoscete il libro? Siete daccordo con il mio pensiero?
Vi aspetto nei commenti ma prima vi ricordo di passare dalle mie amiche blogger per leggere le loro scelte.
Intanto vorrei sapere se questa nuova rubrica vi piace ... a me moltissimo!


14 commenti:

  1. Come si dice, i silenzi valgono più di mille parole! È verissimo, a volte basta solo quello.

    RispondiElimina
  2. Adoro tutto quello che i silenzi sanno comunicare e mi piace un sacco interpretarli. È una citazione bellissima e il tuo pensiero mi piace tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anch'io perchè è vero che dicono più di mille parole

      Elimina
  3. Mi sembrava di averla già vista questa frase! E' bellissima comunque <3 e ricordo che il libro mi era piaciuto molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica,
      si è molto bella ^_^

      Elimina
  4. Bellissima questa citazione, la condivido pienamente <3

    RispondiElimina
  5. Io mi trovo a mio agio nel silenzio, ma mi rendo sempre più conto che per la maggior parte delle persone non è così. Sono spinti a riempire il silenzio perché è come se fosse sinonimo di isolamento. Invece io la penso esattamente come te. Uno dei miei silenzi preferiti è quello che condivido col man quando leggiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti secondo me è sbagliato pensare che il silenzio non sia giusto, penso invece l'esatto contrario e mi fa piacere sapere che la pensi come me :)
      Il silenzio durante la lettura è poi una cosa bellissima *-*

      Elimina
  6. Che bella rubrica ragazze!!
    Quanto di capisco Susy! Il silenzio a volte è proprio una virtù!
    è nel silenzio che possiamo capire chi siamo veramente, e prima o poi tutti ne abbiamo bisogno.
    In questo periodo io adoro fare passeggiate con mio figlio. Avendo tre mesi ancora non parla, quidi siamo solo io e lui, in silenzio.
    Non volano parole inutili o pettegolezzi. Non devo sforzarmi di parlare di qualcosa per non far languire una conversazione.
    Ed è una cosa che mi fa stare benissimo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellissima immagine che hai raccontato Jasmine e mi trovo perfettamente daccordo con te. Il silenzio a volte fa stare benissimo!
      Grazie per il commento :K

      Elimina
  7. Ciao Susy, talvolta nel silenzio si dicono e capiscono così tante cose che magari non si dicono o capiscono quando si dialoga.

    RispondiElimina