venerdì 29 giugno 2018

Recensione: Queen di Megan March

Ciao a tutti amici lettori.
Di solito il venerdì non posto recensioni, ma questa settimana ho un pò ribaltato la scaletta di blogger e quindi oggi terminano con una recensione di un libro che aspettavo di leggere da un pò.
Domani sarà pronto il monthly recap ma prima ecco la mia ultima lettura del mese.

Trama

Io sono la sua distrazione. Il mio corpo è il suo giocattolo. Ho dovuto cedere, non avevo scelta. Lo odio, mi dico, ma ogni volta che entra da quella porta sento un brivido.Come posso desiderarlo e detestarlo allo stesso tempo?Mi sta facendo impazzire.Non dovevo finire in questo gorgo, dovevo immaginare che Lachlan Mount è un maschio senza regole.Ma non ho nessuna intenzione di arrendermi, non voglio che veda le mie debolezze.Pagherò il mio debito e manterrò intatto il mio cuore.

Ringrazio la Sem Libri per la copia digitale omaggio.

Dopo aver letto King (cliccare sul titolo per la recensione) ero molto curiosa di leggere il seguito.
Il primo libro non finisce affatto bene, anzi il colpo di scena finale non me l'aspettavo proprio e questo libro inizia proprio in quel punto.

Stavolta abbiamo un pov alternato e questa cosa mi è piaciuta molto. Abbiamo modo di leggere non solo il punto di vista di Keira, ma anche quello di Mount.
Si scoprono cose che nel primo sono rimaste in sospeso e si entra più nel vivo della storia.
Vediamo Mount a piano a piano diventare un personaggio più accessibile. Adesso non è solo King, adesso è un uomo con delle sensazioni, con delle emozioni che manifesta come tutti gli altri, vediamo finalmente un uomo che forse ha un cuore.
Il suo interesse per Keira non è solo attrazione fisica, la sua voglia di aiutarla non è solo per ripagare un debito e quando si renderà conto di come Keira gli sta davvero entrando dentro capirà che forse un sentimento più profondo dell'attrazione esiste.

Mount secondo me è un personaggio che andava scoperto a poco a poco e quindi farcelo conoscere non subito è stata una mossa vincente. E' il classico uomo che non ha legami con nessuno e non perchè non ha avuto la possibilità di crearseli, ma perchè non li voleva.
E' un uomo che si è guadagnato ogni singola cosa dalla vita lottando con le unghie e con i denti, non si fida di nessuno, ha delle persone che lavorano per lui ma non ha amici. Il suo nome incute terrore, la sua reputazione lo precede ed ha praticamente tutto quello che desidera.
C'è però ancora qualcosa che gli manca e se ne accorge solo quando fa entrare sempre più in profondità Keira nella sua vita.
Un uomo come lui non ha debolezze, un uomo con lui non crede che ci sia altro oltre il sesso occasionale e allora cos'ha Keira che la rende diversa? Perchè tutto il tempo che passa con lei non gli sembra mai abbastanza?
Un'altra persona avrebbe già capito che questi segnali indicano un sentimento più profondo, ma Mount non è pronto ad ammetterlo con se stesso anche perchè non hai provato per nessuno ciò che prova per lei e questa novità, questo perdere il controllo delle sue sensazioni lo destabilizza completamente.



Una storia che nuovamente mi ha ricordato la famosissima triologia Cinquanta sfumature, che nuovamente è ricca di scene hot ma che stavolta sfocia su un piano più personale.
E cosa dire del finale?
Di nuovo mi ha lasciato sorpresa perchè non me l'aspettavo e adesso dovrò purtroppo aspettare il seguito per capire come andrà a finire.
Una cosa non mi è piaciuta molto, la fretta con cui si è conclusa la faccenda iniziale. Non voglio entrare nel dettaglio per non rovinare la sorpresa a chi non ha ancora letto il primo libro e incappa per caso in questa recensione. Dico solo che, per com'era finito l'altro libro non mi aspettavo si risolvesse così in fretta e senza troppe spiegazioni, ma che fosse tutto molto più appronfondito.
Mi è sembrato alquanto superficiale trattare tutto alla velocità della luce senza che nessuno si soffermasse oltre. Peccato perchè secondo me qualche pagina in più dedicata al "problema" iniziale avrebbe reso tutto più credibile.
Adesso spero che l'ultimo libro mi convinca definitivamente così saprò darvi un giudizio complessivo dell'intera triologia.

Valutazione 3/5




2 commenti:

  1. Cavoli, che peccato :( Io sono terribilmente curiosa di leggere questa trilogia... Dici che merita oppure passo oltre? Non vorrei leggere qualcosa di molto simile alla 50 sfumature :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo il terzo e poi ti dico se ne vale la pena davvero, la cosa positiva è che si legge in un soffio e tu che sei già veloce di tuo dovresti finirlo subito, ma appena finisco il terzo ti do un giudizio complessivo

      Elimina