martedì 14 febbraio 2017

Recensione: Questo piccolo grande errore di Viviana Leo

Ciao a tutti amici lettori.
Per il giorno di San Valentino ecco una storia romantica.
Si tratta di un libro della Newton che ringrazio per avermi omaggiata della copia digitale.

Trama

Lucy è una ragazza insicura, cicciottella e piena di complessi. Una sera, uscita da una discoteca, entra per gioco nello studio di un mago insieme alla sua amica. Ed è così che l'incantesimo ha inizio.La mattina dopo Lucy si ritrova a letto con Steven Darrin, attore famoso e bellissimo, di cui lei è una grande fan. Lui è spaesato: com'è finito lì? E cos'è quel filo rosso che li lega e resiste a qualsiasi tentativo di essere tagliato? Liberarsi è impossibile, anche stando alle parole del mago. E così, intrappolato da quel filo che solo loro vedono, i due partono per New York, dove Steven sta girando un film. Per una star del cinema come lui, portarsi sempre appresso una ragazza è una vera tortura, ma pian piano il bell'attore si accorge che Lucy è diversa dalle donne a cui è abituato: non è attenta al trucco e all'abbigliamento, non è ossessionata dalla linea ... Che ci sia qualcosa, in quella ragazza dalle curve morbide, capace di attrarlo?

Non ho mai letto nulla di quest'autrice italiana ed ero incuriosita dalla trama, così mi sono lanciata nella storia che tutto sommato non è stata male.


La storia è scritta in terza persona e quindi leggiamo i loro pensieri quasi nello stesso momento. Lucy e Steven sono due persone completamente diverse. Lui è il classico bell'attore che sa di essere bello e si dimostra arrogante e un pò snob. Non è solo l'attore preferito di Lucy, ma di molte ragazze e quindi la sorpresa di Lucy di trovarselo legato a lei è a dir poco incredibile.
Il mago che lei ha trattato male, le ha tirato un brutto scherzo, perchè questo filo che è visibile solo a loro, non può essere rimosso subito ma a tempo debito. Come? Bhe per saperlo bisogna leggere fino alla fine, perchè nemmeno loro lo sanno.

Inizia quindi per Lucy un giro di viaggi accanto all'attore che adora, assiste alle sue scene sul set, a servizi fotografici, ad eventi mondani, a feste di famiglie e lentamente comincia a conoscerlo meglio. Si rende conto che lo Steven attore è molto diverso dallo Steven persona e comincia ad apprezzarlo un pò meno. La sua arroganza e il suo modo di fare non sono per niente simpatici.
Dal canto suo, Steven mal sopporta la presenza ingombrante di Lucy così diversa dalle modelle e dalle attrici di cui si circonda. Lucy sembra provare piacere nel cibo e non essere ossessionata dalla dieta, è spontanea, allegra, adora le piccole cose e anche soprattutto vivace.
Come potrebbero quindi coesistere?
Sembra assurdo invece ci riescono e la loro convivenza forzata diventa lentamente un conoscersi a fondo e si rendono conto che non hanno solo difetti, ma riescono a scoprire l'uno nell'altra molti aspetti positivi e di colpo si guardano sotto una luce nuova.

Una storia carina, dalla scrittura semplice e leggera. Una storia che si legge in fretta e adatta a chi non si aspetta grandi cose.
Originale l'idea del mago e l'intera storia molto carina, mi è piaciuta l'idea che l'autrice vuole dire dell'attore famoso e pagato che si sente oppresso da quel mondo caotico che lo circonda. Alcune volte dimentichiamo che un personaggio sullo schermo è solo un personaggio, ma la persona che lo interpreta è un'altra persona con altri gusti, un altro carattere invece a volte si tende a identificarla come se fossero un tutt'uno e invece è sbagliato.
Non si può dire che Steven spicchi per simpatia, in compenso però Lucy è dolcissima e immedesimarsi nella sua avventura è facile. Lei una ragazza cicciottella che ama mangiare è un pò l'icona contro tutte quelle modelle scheletriche che si cibano solo di insalata e poi è così genuina che è impossibile non trovarla simpatica.

Nel complesso quindi il libro è molto carino, quello che non mi è piaciuto è stato il finale.
Perchè molti autori o autrici si perdono nel finale?
Non lo so, eppure il finale è qualcosa di importante serve a terminare una storia, serve a concludere un lasso temporale ampio e deve essere fatto bene!
Invece qui, abbiamo un epilogo frettoloso dove si spiega per sommi capi cosa sia successo prima. Quindi io mi chiedo, perchè non scrivere un capitolo prima in cui si parla di quello che è successo? Perchè fare un epilogo affrettato senza alcun senso?
Lo stile comico e spiritoso, la trama carina e leggero potevano far pensare a un libro da consigliare per le letture leggere che ogni tanto ci vogliono per staccare la spina.
Invece così, sono costretta ad abbassare la mia valutazione ed è un peccato.

Valutazione 3/5






12 commenti:

  1. Ciao SUsy!!!
    Mi ero segnata il libro, incuriosita dalla trama.
    Tutt'ora penso che sia una bella lettura, ma la questione del finale frettoloso mi fa dubitare parecchio :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine,
      Si la storia è carina e ci sono rimasta un po' male per il finale, altrimenti sarebbe stata ancora meglio. Ti consiglio di metterla in forse ma non scartarla del tutto

      Elimina
    2. Ok! Lo metto nei forse! 😉
      Ah, mi ero dimenticata di dirti una cosa... Bellissima la nuova header!! 😊😊😊

      Elimina
    3. Grazie Jasmine! Anche stavolta non è opera mia, ma piace molto anche a me :)

      Elimina
  2. Dalla copertina e dalla trama confesso mi aspettano qualcosa di più, ma non nascondo che la curiosità c'è e anche molto! 😊
    Amo questo genere di letture, e forse troverò occasione per leggerlo 😊😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi,
      fammi sapere cosa ne pensi allora ;)

      Elimina
  3. Ciao Susy! Sono stata attratta fin da subito da questo libro, complice anche un po' la cover :-) Ma sono un po' scettica adesso perché solitamente le tue recensioni rispecchiano molto i miei gusti...chissà :-) Ti farò sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIao Lucia.
      infatti la trama e la cover attirano molto, aspetto di sapere cosa ne pensi allora, magari a te riesce a sorprendere

      Elimina
  4. anche io noto che molte volte sul finale si corre troppo e si "rovina" la storia ed è un peccato. Questo non l'ho letto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, si è un vero peccato perché poi la storia in se è carina e poi resto male quando sul finale si perde a volte capita che rovina la mia idea iniziale...

      Elimina
  5. Ciao Susy! Mi sembra una storia davvero carina, ma il finale mi blocca perché è vero che purtroppo molte volte rovinano un libro, cambia totalmente la nostra opinione sulla storia!

    RispondiElimina