giovedì 26 maggio 2022

Review Party. Recensione: Sei il mio pericolo di Margherita Pani

Rieccomi amici lettori.
Sono tornata per parlarvi di un libro in uscita proprio oggi che ho potuto leggere in anteprima.


Grazie alla Garzanti per la copia omaggio.



Trama
Capelli rossi e divisa inamidata, Hailey Cohen è la rappresentante degli studenti della prestigiosa Sacred Heart, una delle università più esclusive del paese. A differenza degli altri allievi, è riuscita a essere ammessa soltanto grazie alla sua determinazione e a una borsa di studio. Ma l'arrivo di Jake Carter potrebbe rovinare tutto ciò che ha costruito con fatica. Perché il padre di lui, Gerico, un ricco uomo d'affari, conosce un segreto che potrebbe costarle l'espulsione dalla scuola. Un segreto sulle sue origini, che Hailey custodisce gelosamente da anni. Per questo, per quanto diffidente, acconsente ad aiutare Jake negli studi. All'inizio, quel bellissimo ragazzo dai modi scostanti le dà sui nervi: è viziato e interessato solo alle feste e alle donne. Eppure, giorno dopo giorno, Hailey intravede ciò che Jake nasconde sotto la sua apparenza da duro: onestà, intelligenza e sensibilità. I suoi occhi verdi, limpidissimi, sanno comunicare meglio delle parole ciò che sta nascendo tra di loro e Hailey non può ne - gare a sé stessa l'elettricità che la percorre ogni volta che si sfiorano. Eppure, Gerico è deciso a usare ogni freccia al suo arco per separarli, anche a costo di ferire suo figlio. Hailey sa di dover confessare la verità, perché il patto che ha stretto con Gerico è l'ultimo ostacolo rimasto alla sua felicità insieme a Jake. E lei non può permettere a nulla, nemmeno al suo passato, di tenerla lontana dal ragazzo a cui ha donato il suo cuore.
Margherita Pani è al suo romanzo d'esordio con Garzanti e lo fa proponendoci una storia particolare che mette in mostra debolezza e fragilità di due giovani cuori innamorati.

Review Party. Recensione: La libreria sulla collina di Alba Donati

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi cominciamo parlando di libro molto particolare che già dal titolo appassionerà tutti i lettori.





Grazie a Einaudi per la copia omaggio.


Trama

«Perché hai aperto una libreria in un paesino sconosciuto? Perché avevo bisogno di respirare, perché ero una bambina infelice, perché ero una bambina curiosa, per amore di mio padre, perché il mondo va a scatafascio, perché il lettore non va tradito, perché bisogna pensare ai più piccoli, perché mi sono salvata». Un libro magico, che racconta un luogo magico, che esiste davvero. Una libreria microscopica in un paesino sperduto sulle colline toscane, ma portentosa come una scatola del tesoro. Dai bambini che entrano di corsa alle marmellate letterarie, da Emily Dickinson a Pia Pera, le giornate nella Libreria Sopra la Penna sono ricche di calore, di vite e storie, fili di parole che legano per sempre: una stanza piena di libri è l'infinito a portata di mano. Non è mai troppo tardi per realizzare un sogno. Nel dicembre 2019, Alba Donati decide di cambiare vita e aprire una libreria a Lucignana, poche case sull'Appennino lucchese. Lo fa grazie a un crowdfunding e al passaparola sui social. Da subito la libreria, una sorta di «cottage letterario» immerso nel verde, diventa un luogo di pellegrinaggio, di parole in comune, di incontri speciali. In questo diario che abbraccia sei mesi di vita della libreria – l'incendio che la distrugge dopo un mese dall'apertura, l'energia delle persone che la rimettono in piedi, la chiusura durante il lockdown, fino all'organizzazione di un festival letterario – c'è il racconto di una passione che è leva per sollevare il mondo. Con leggerezza e intelligenza, Alba Donati regala al lettore un'esperienza perfettamente in linea con la missione della sua libreria: mettere in pausa la frenesia delle nostre giornate, lasciarsi cullare dal conforto di piccoli gesti di cura, seguire il filo che unisce libro a libro, sentirsi parte di una comunità. Fare la libraia oggi significa anche ingegnarsi per far tornare i conti, leggere di notte, pensare lo spazio come un rifugio e un presidio culturale, raccogliere gli ordini a fine giornata come sassolini che indicano la strada. E in questa vita da libraia felice e resistente, nel suo senso di «casa», nelle sue scelte controcorrente, nella storia della sua famiglia di irriducibili, c'è tutta la caparbietà di cui sono capaci le donne, e insieme l'amore per le storie, quello di chi vuole farle conoscere e circolare. Questo è il libro che sognano tutti i lettori: le pagine che leggiamo si mescolano a ciò che ci accade come in un grande diorama aperto, perché le parole dei libri sono parte del nostro alfabeto.

Che copertina adorabile vero? Mi è piaciuta subito non appena l'ho vista. Penso sempre che sia fondamentale avere una cover d'impatto perchè rappresenta il biglietto da visita più importante e questo di sicuro cattura l'attenzione.

mercoledì 25 maggio 2022

Review Party. Recensione: Bel pasticcio Nell Stevens di Alexandra Potter

Ciao a tutti amici lettori.
Oggi vi parlo di una lettura davvero carina, che mi è piaciuta tanto fare e che mi ci voleva proprio.



Ringrazio la Newton per la copia omaggio.

Trama
La vita di Nell Stevens è un disastro. Non solo è disperatamente al verde, ma la sua storia d’amore è naufragata. Per questo ha deciso di tornare a Londra, abbandonando la California e i brutti ricordi. Il problema è che, da quando ha lasciato l’Inghilterra, dieci anni prima, molte cose sono cambiate. E la vita facile e spensierata che ricordava non esiste più. Tutti i suoi amici ora sono sposati e hanno dei figli, gli affitti sono alle stelle e, in un mondo di vite da sogno sbandierate su Instagram, Nell al massimo può sperare di essere notata da Johnny, “l’uomo perfetto” che incontra una sera in un pub. Ma la fortuna arriva nei modi più disparati, e quando Nell conosce Cricket, un’esuberante vedova di ottantun anni, scopre che l’amicizia può essere un balsamo per ogni ferita: le loro vite non hanno preso la piega che avevano previsto, è vero, ma non tutto è perduto. E così, tra un coinquilino fissato con la raccolta differenziata per la salvaguardia del pianeta e un lavoro come redattrice di necrologi, Nell è sicura che da ora in poi le cose potranno solo migliorare. E chissà che il destino non si sia già messo in moto per convincerla a innamorarsi di nuovo…

Ci sono certe storie che capitano al momento giusto e che non puoi fare a meno di apprezzare per la tempestività con cui sono arrivate.

martedì 24 maggio 2022

Recensione: Il lord prende moglie di Lisa Berne

Rieccomi amici lettori.
Sono tornata per parlarvi di un regency. 
Più precisamente della seconda storia autoconclusiva della serie Penhallow di Lisa Berne.
Esce proprio oggi in librerria e sono contenta di averlo potuto leggere in anteprima.

Ringrazio la Sperling per la copia omaggio.


Trama

Dopo aver presenziato a settantuno matrimoni, seppure mai in qualità di sposa, Fiona Douglass ormai ha perso le speranze di trovare l'amore, tanto più che l'uomo di cui è innamorata è convolato a nozze con la sorella minore. Di certo, non crede di trovare un marito in Alasdair Penhallow, il laird - così vengono chiamati i lord in Scozia — del castello di Tadgh, dove, a differenza delle altre pretendenti desiderose di conquistare lo scapolo più ambito in circolazione, la ragazza si reca di malavoglia.
Dal canto suo, Alasdair, costretto a sposarsi a causa di un antico decreto, è tutto meno che entusiasta all'idea di concludere i suoi giorni da libertino. Eppure, quando posa gli occhi su Fiona, bellissima, arguta e irriverente, il suo cuore ha un sussulto.
Il piano del laird era un matrimonio di convenienza; l'amore e la passione gli faranno cambiare idea?
Ormai ci si preoccupa semrpe tanto quando si legge la parola "serie" perchè - penso facciate come me - si va sempre a guardare l'ordine cronologico di lettura per non perdersi niente. Ebbene qui, potete star tranquilli perchè i due libri non hanno un filo conduttore che necessita per forza la lettura dell'uno o dell'altra, si possono leggere separatamente senza complicazioni e questo ci tenevo a dirlo fin da subito.

Review Party. Recensione: Voce del mare di Natasha Bowen

Ciao a tutti amici lettori.
Pronti a viaggiare per mare in un'avventura senza precedenti?
Allora preparatevi perchè questa storia ha tutte le caratteristiche per appassionarvi per bene.


Ringrazio la Mondadori per la copia omaggio.


Trama
Un tempo, quando era ancora umana, Simi pregava gli dèi. Ora che è una sirena, una Mami Wata, è al loro servizio, anche se non riesce a rinunciare ai ricordi della sua vita precedente. Il suo compito, come quello delle sue sei sorelle, è di cercare e raccogliere le anime degli uomini e delle donne gettati in mare dalle imbarcazioni cariche di schiavi dirette al Nuovo Mondo; e, dopo averle onorate, fare in modo che possano tornare, benedette, alla loro terra d'origine. Ma un giorno, quando da una di quelle navi viene buttato in acqua un ragazzo ancora in vita, avviene l'impensabile. Simi decide di portarlo in salvo, contravvenendo così a una delle più antiche e inviolabili disposizioni divine. Per fare ammenda, sarà costretta a recarsi al cospetto di Olodumare, il Creatore Supremo, ma per poterlo incontrare, dovrà prima affrontare un viaggio pieno di ostacoli, nel corso del quale incontrerà terre ricche di insidie e creature leggendarie e si ritroverà ancora una volta a sfidare gli dèi, mettendo a rischio non solo il destino di tutte le Mami Wata ma anche quello del mondo così come lo ha conosciuto fino ad allora.

Lo sapete adoro i retelling e tutto ciò che riguarda le favole, un binomio per me irresistibile e non potevo non leggerla, anzi non vedevo l'ora di cominciarla.