giovedì 22 giugno 2017

Recensione: Quasi quasi ti amo di Deborah Fasola

Ciao a tutti amici lettori.
Con le temperature di giugno sembra di essere in agosto avete visto?
Decisamente le quattro stagioni non ci sono più sono diventate ormai due.
E in questa stagione calda, voglio parlarvi di un libro che va benissimo per questo periodo. Una commedia leggera e divertente di un'autrice che finalmente ho potuto leggere.

Trama

Come reagireste se vi dicessero che siete diventati gli eredi di un castello?E' quello che succede ad Anna Doyle quando viene contattata da un notaio che la informa della prematura morte del padre hce non ha mai conosciuto e dell'ingente eredità che le ha lasciato. Seppur con reticenza, Anna fa i bagagli e parte per la Scozia credendo di riuscire in pochi semplici mosse a sbarazzarsi dell'ingombrante eredità per intascare i soldi e tornare in Italia, peccato che si troverà presto a fare i conti con una raltà alquanto scomoda.A quanto pare, infatti, lei non è l'unica erede del castello, che è anche uno degli hotel più rinomati di Dornie, una pittoresca cittadina vicina all'isola di Skye. Si troverà così nel bel mezzo di un'avventura insolita e stravagante, tra un ragazzo misterioso e dei bizzarri fantasmi scozzesi ai quali proprio no riesce a credere. Chi è realmente Kaiden e quali sono le sue vere intenzioni? Selvaggi come il vento della Scozia, irriverenti e divertenti, Kai e Anna avvicineranno pericolosamente le loro vite sino a legarle o ad allontanarle per sempre.
Quando ho letto la trama di questo libro e quando ho visto che a scriverlo è un'autrice che contavo di leggere da un pò mi sono detta che questa lettura doveva essere fatta in fretta.
Grazie all'autrice e la gentilezza immediata che ha dimostrato ora sono qui a parlarvene.
Ringrazio quindi l'autrice per avermi permesso di leggere il suo libro.

La voce narrante della storia è Anna una ragazza che è insoddisfatta della sua vita. Dopo la morte prematura della mamma, ha come unico parente una zia che vede poco, un fidanzato con il quale trascina la sua storia senza amarlo più come un tempo e una migliore amica con cui ha litigato di recente. Perciò quando, in un momento caotico e infelice della sua vita chiama un notaio dalla Scozia, pensa assurdo che suo padre le ha lasciato in eredità un castello.
Anna non ha mai conosciuto suo padre, quello che sa di lui lo conosce attraverso i pochi racconti di sua madre. Sa che non ha voluto saperne di lei e questo le è bastato per tutta la vita, ma adesso la voglia di scoprire le sue origini, di conoscere anche un pò suo padre la portano a compiere un viaggio verso la Scozia.

In questo posto magico e senza tempo, Anna farà la conoscenza di Kaiden il figlio della moglie di suo padre. Tra loro non c'è nessun legame di sangue, ma una bizzarra parentela. Kaiden è socio a metà di quel castello magnifico e sembra nascondere un pò di segreti che Anna intende scoprire con molta testardaggine.
Tra fantasmi, amicizie, segreti e bugie che vengono a galla, Anna scoprirà che non solo la Scozia è un posto magnifico di cui innamorarsi ma che la magia, quella vera, esiste davvero.

Una storia molto carina, che si legge con molta facilità grazie allo stile scorrevole e semplice dell'autrice. Una lettura che si condisce di magia, che ci regala sorrisi e sospiri piena di lieto fine magico e assicurato. Ho usato un pò troppo la parola magico vero? Bhe, ma quando penso a questo libro, l'aggettivo magico mi riesce naturale perchè è davvero così.
A volte basta poco per rendere una storia bella e la semplicità di questo libro rende l'idea.
La storia di Kai e Anna è stata quasi naturale, come se loro fossero destinati a incontrarsi e a stare insieme ma non è solo quello che mi è piaciuto nella lettura.
Ho apprezzato come Anna, attraverso questo viaggio abbia ritrovato se stessa. Il vero se che teneva celato dentro, ha scoperto un profondo attaccamento alle radice, ha imparato a conoscere un padre anche se adesso fisicamente non era più con lei e si è integrata così bene alla sua nuova vita che quella vecchia sembrava quasi svanita.
Trovo che sia molto bello questo messaggio che l'autrice lancia, quello che a volte abbiamo bisogno di staccare la spina e trovare noi stessi. Poi certo con un'ambientazione bella come la Scozia è ancora meglio.
Decisamente una lettura leggera e senza troppe pretese adatta per gli amanti del rosa.

Valutazione 4/5






4 commenti:

  1. Ciao Susy, non ho mai letto nulla di quest'autrice, della quale però ho sempre sentito parlar bene: questa storia sembra veramente carina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel,
      stessa cosa anche per me. Per questo ero incuriosita e mi sono tuffata nella lettura che si è rilevata davvero carina

      Elimina
  2. Risposte
    1. È un libro proprio carino Lella. Leggero e simpatico

      Elimina