mercoledì 16 ottobre 2019

Sanditon di Jane Austen. Recensione Serie tv

Ciao a tutti amici lettori.
Il post di oggi è un po' particolare perché non parlerò soltanto di libri, ma di una serie tv che mi ha praticamente conquistata.
Sto parlando di Sanditon e devo ringraziare la mia amica Silvia per avermela fatta scoprire.

Per chi non lo sapesse Sanditon è un romanzo incompiuto della mitica e unica Jane Austen.
La nostra Jane non riuscì a completarlo perché cominciò a star male e quello stesso anno, il 1817, morì.
I suoi eredi l'hanno poi successivamente pubblicata decidendo di dare questo nome sebbene il manoscritto fosse senza titolo.
Ormai sapete quanto ami Jane Austen e quindi non sarete sorpresi se dico che ho letto questo libro a suo tempo, essendo una storia incompiuta è come leggere qualcosa a metà, ma lo stile della Austen è sempre unico e inimitabile e quindi leggerlo è sempre un piacere.
Confesso di essermi sempre chiesta cosa sarebbe successo all'eroina che c'era in queste prime pagine. 
Non è il primo testo incompiuto che ho letto di quest'autrice, ma questo che forse fu il suo ultimo mi ha sempre suscitato curiosità. Ecco perchè quando ho saputo della rappresentazione in tv, non stavo nella pelle sebbene sapessi fin da subito che a parte l'inizio che dà una specie di prologo all'intera vicenda, il resto è tutto frutto della mente di Andrew Davis.

Lui è già sceneggiatore di "Orgoglio e Pregiudizio" del 1995 e di "Ragione e sentimento" del 2016, ho pensato che doveva per forza aver scritto qualcosa di bello e quindi mi sono lanciata piena di aspettative. Certo il timore che avrebbe rovinato qualcosa della mitica Jane c'era, però è più forte di me ogni volta che vedo qualcosa che la riguarda devo guardare con i miei occhi - o leggerlo a seconda dei casi - se si tratta di qualcosa di buono e quindi anche questa volta l'ho fatto. Penso sempre che farsi un'idea propria su qualcosa che si vede tante volte in giro sia la cosa migliore e anche stavolta ho seguito l'istinto.
Il risultato?
Bellissimo. Ebbene sì, mi sono gustata questi otto episodi nei ritagli di tempo desiderando di saperne di più e l'ho adorato. Voglio però subito dire una cosa per chi vorrebbe cimentarsi in quest'avventura: il finale! Oh mamma mia quel finale, che colpo al cuore!
Non so se si farà una seconda stagione, io lo spero vivamente perché di certo la nostra zia Jane non avrebbe terminato un libro così, non spezzando tutti i nostri cuori in questo modo.
Spero davvero che viste le proteste di molti fan, i produttori decidano di regalare una seconda parte a questa storia davvero, davvero bella.


Jane Austen aveva cominciato a scrivere le vicende di Charlotte Heywood, una ragazza semplice e dai sani principi che vive in un villaggio in campagna dove non succede mai niente di nuovo. Un giorno però, c'è un incidente con una carrozza e così lei incontra i coniugi Parker.
Mary e Tom sono così grati del suo provvidenziale aiuto che la invitano nella loro casa a Sanditon e Charlotte accetta, dietro il benestare della famiglia, di partire per questa avventura che sarà sicura le gioverà tantissimo.
Per una ragazza vissuta in un villaggio dove tutto era monotono e tranquillo, vedere gente nuova è un toccasana incredibile e in più si lascia contagiare dall'entusiasmo di Tom per la costruzione di una città magnifica dove arriveranno sempre nuove persone.
Quello che di certo non immaginava era di restare così abbagliata da Sanditon, ma anche di incontrare qualcuno che le facesse battere forte il cuore: Sidney Parker fratello di Tom.


Ho adorato Charlotte. Con una semplicità disarmante, lei si fa voler bene da tutti in poco tempo. Si rende indispensabile per i Parker con la sue idee innovative, adorata dai bambini, dai costruttori e da Miss Georgiana Lamb - una giovane donna di colore e ricca erediteria - e anche da Mrs Denham che con i suoi modi spicci e sbrigativi impersona l'arcigna signora ricca che però ragiona benissimo e mette tutti al tappeto con poche parole. Ogni personaggio racconta una storia ed è stato interessante scoprirlo puntata dopo puntata.
Persino Sidney dopo l'iniziale titubanza, comincia a capire che quella ragazza così diversa dalle altre sia speciale e che la sua presenza sia preziosa per ognuno di loro.
Sidney è un gentiluomo inarito nel cuore, perennemente impegnato in affari a Londra, con il cuore spezzato da una disavventura amorosa non intende aprire i suoi sentimenti a nessuno. Con Charlotte si comporta in modo sgarbato in più di un'occasione e poi ecco che l'uomo tutto d'un pezzo cambia radicalmente. I modi gentili, diretti e dolci di Charlotte lo conquistano a tal punto che sembra che per loro ci sia il lieto fine dietro l'angolo.

Momenti insieme a volte rubati valgono più di intere ore a parlare, è chiaro che Sidney sia cambiato perchè non è più lo stesso uomo che era all'inizio e questo totale cambiamento lo deve soltanto a lei: la donna che lo ha stregato.
Cosa frena allora la felicità di questa nuova e adorabile coppia?
L'impulsività di Tom, la leggerezza con cui prende le cose e la poca responsabilità saranno un fattore importante per il loro lieto fine e sebbene Sidney si comporti da fratello modello, la felicità della giovane coppia sarà messa altamente a rischio.
Ho apprezzato tantissimo il cambiamento di Sidney, ha capito i suoi errori e ha cercato di rimediare a tutti i suoi sbagli solo che alla fine... beh ve l'ho detto, la fine è un colpo a cuore e se ci ripenso non voglio quasi crederci che è tutto finito così, è profondamente ingiusto.

Intorno alla loro storia ruotano anche personaggi che man mano acquistano sempre maggiore importanza per la storia, la famiglia Parker si estende anche a una sorella ipocodriaca e a un altro fratello che si lascia contagiare dalla paura di ammalarsi. Una coppia che porta risate in momenti seri stemperando l'attenzione da argomenti più delicati.
La falsa innocente Clara e l'odioso Edward e poi ci sono Lord Babington ed Esther Denham che nonostante l'inizio poco convincente ho trovato davvero carini insieme.
Gli attori Rose Williams e Theo James, rispettivamente di Charlotte e Sidney, li ho trovati perfetti nei loro ruoli, ma trovo che tutta l'ambientazione abbia regalato un tocco di diversità all'intera storia.
La voglia di far diventare Sanditon un posto nuovo e meraviglioso è la colonna portatante della vicenda, il progetto di Tom per quanto svolto con troppa leggerezza è davvero bello perchè ci mostra come a volte anche nei piccoli posti c'è la vera bellezza, basta solo vederla.

Charlotte ci insegna che anche le persone che non appartengono a un ceto sociale elevato possono contribuire a rendere le cose migliori. Il suo supporto in alcuni casi è fondamentale, lei è senza dubbio un'eroina moderna da cui prendere esempio.
E anche Sidney alla fine ci fa capire che tutti, con impegno e perseveranza, possiamo cambiare se lo vogliamo davvero.
Penso che a suo modo ogni personaggio ci insegni qualcosa, quindi per quel che mi riguarda questo "esperimento" è andato a buon fine.
Adesso aspetto soltanto la seconda stagione e speriamo succeda presto!

Fonte Foto

La conoscete?
Avete letto il libro?
La vedrete?
Vi aspetto nei commenti, sono curiosa di sapere cosa ne pensate di Sanditon.


8 commenti:

  1. Ciao Susy, non conosco il libro nè la serie tv, ma mi hai incuriosita ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel.
      Sono contenta di averti incuriosita, a me è piaciuta molto

      Elimina
  2. Per carità carina è carina ma certe scelte (non parlo del finale) mi hanno lasciata basita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scelta del finale a mio parere è stata fatta solo per motivazioni commerciali complici del fatto che volevano l'appoggio dei fan per una seconda stagione. Non essendo tutta opera di Jane Austen ci sta tutto sommato

      Elimina
  3. Sono felice di avertelo consigliato… Il finale è sofferenza pura…

    RispondiElimina
  4. Esiste il romanzo basato sul film in lingua inglese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, spero che esca in italiano perchè in lingua sono così lental...

      Elimina