lunedì 25 gennaio 2016

Recensione: Sei pietre bianche di Daisy Franchetto


Trama

A tre anni dall'esperienza nella Casa e dalla violenza che l'ha messa di fronte a un duro processo di trasformazione, la giovane protagonista di Dodici Porte non è più una ragazzina. Abita  da sola in un piccolo appartamento in città, studia e lavora. Accanto a lei il fedele cane Sinbad,  su cui grava una maledizione che Lunar non conosce, e l'anello che le ricorda costantemente il legame con la Terra dei Morti.
Dopo l'ultima visione avuta fuori dalla Casa, nella quale un bambino veniva rapito da un gigante, la giovane non ha più avuto esperienze del genere, o contatti con altre Dimensioni. A volte stenta a credere che ciò che ha vissuto nella Casa sia davvero accaduto. Ma c'è l'amico Sinbad a ricordarle chi lei sia.
Lunar ha stretto amicizia con Odilon, un bambino dal passato misterioso che vive in orfanotrofio. Proprio la scomparsa del piccolo, ad opera di un essere spaventoso, riporterà la nostra protagonista e  il suo amico a quattro zampe  a contatto con le Dimensioni parallele.
Lunar e Sinbad, con l'aiuto di Altea, proveniente dai Cieli Razionali, si metteranno sulle tracce dei rapitori di Odilon. Ha inizio il viaggio attraverso sei portali dimensionali rappresentati da sei lapidi bianche.
Di nuovo un percorso che è insieme scoperta di se stessi e di luoghi sconosciuti.
Di nuovo avventure formidabili che svelano quanto ci sia di sublime e oscuro nell'inconscio.

Questo libro è il seguito di 12 porte (cliccare sul titolo per la recensione) e comincia esattamente tre anni dopo gli avvenimenti dell'ultimo.

Comincio subito col dire che questa lettura mi è piaciuta molto di più rispetto alla prima, lo stile narrante è pieno di imprevisti, colpi di scena e riesce a tenere col fiato sospeso fino alla fine.
Soprattutto mi è piaciuta di più perchè oltre ad essere una lettura fantasy si tinge di rosa, dal momento che amo le letture romance era ovvio che questo libro mi sarebbe piaciuto di più.

Ancora una volta Lunar si ritrova catapultata in un mondo sconosciuto ma familiare allo stesso tempo e scoprirà molte cose del suo passato che le faranno meglio comprendere il suo futuro.

Nel precedente libro mi aveva un pò fatto storcere il naso, arrivare alla fine e vedere che c'erano ancora numerosi dettagli non detti e domanda irrisolte. Adesso invece tutto ha più senso e senza svelare troppo, devo dire che ho apprezzato molto la capacità dell'autrice di lasciare disseminati lungo il cammino le tracce che poi portavano a una verità quasi ovvia.

Orchi, streghe, principe e regine oltre che animali parlanti incroceranno il cammino di Lunar che però non sarà mai sola, e porterà a compimento alcune delle sue missioni.
Le missioni da compiere infatti sono molte e lei crede fino alla fine di riuscirci, purtroppo quella forse più importante fallirà e a quel punto si chiude il libro con la promessa di completare anche quella missione fallita.
Si chiude nuovamente con un finale aperto, che che confesso apertamente di non sopportare ma questa volta almeno c'è questa speranza così grande che mi ha fatto sollevare il morale.

L'ambientazione è descritta nel dettaglio, scopriamo molti personaggi crudeli e anche personaggi cattivi che poi si pentono delle loro azioni. Si può dire che non manca nulla, per chi ama il fantasy è una lettura appropriata anche perchè stavolta Lunar è più matura, la vediamo più sicura dei suoi poteri e di quello che deve fare per aiutare gli altri e salvare anche se stessa dalla distruzione delle Dimensioni.
Nel mondo reale è una ragazza come tante, forse più matura della sua età che cerca di vivere una vita normale. Quando però, arriva nelle Dimensioni il suo essere cambia completamente perchè riscopre il suo vero io e si ritrova capace di fare delle cose di cui nemmeno immaginava.
La sua scoperta dei poteri, il suo riconoscimento del passato fanno si che Lunar si senta finalmente completa perchè fino a quel momento non lo era del tutto.
Deve ancora mettere qualche tassello che completi il puzzle della sua vita, ma ci è molto vicina e io faccio il tifo per lei.  La sua forza, il suo coraggio la rendono un personaggio davvero bello.

Valutazione 4/5












6 commenti:

  1. Devo leggerlo presto, sembra interessante specialmente sul "ritrovarsi"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao.
      Si a me è piaciuto molto, sicuramente più del primo è un pò il cuore della storia che nella prima parte si è solo accennata. Se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi

      Elimina
  2. Risposte
    1. Bene così mi dici cosa ne pensi ;)

      Elimina
  3. Non conoscevo questa serie, grazie per avermela fatta scoprire =D

    RispondiElimina
  4. Si tratta di una scrittrice esordiente, questo libro mi ha coinvolta più del primo e adesso aspetto di leggere il terzo :P

    RispondiElimina