mercoledì 29 giugno 2016

Recensione Volevo tanto che fossi tu di Megan Maxwell

Buonasera lettori e lettrici. Oggi ho fatto tardi e quindi la recensione la pubblico in serata, ho avuto una giornata super pienissima ed è per questo che posto a quest'ora.
Per quanto però, le mie giornata siano piene, la lettura non manca mai. E quindi eccomi a parlare di un'autrice che non conoscevo e che ci trasporta in Spagna.



Trama

In sella alla sua Honda CBF 600, Marta Rodriguez riesce a ritrovare l’entusiasmo e la voglia di divertirsi, sebbene abbia avuto un passato tutt’altro che facile e si sia ritrovata a crescere una figlia completamente da sola. Nel traffico di Madrid, infatti, deve destreggiarsi per riuscire a raggiungere in orario Lola Herrera, l’atelier dove confeziona splendidi abiti da flamenco. Ma, proprio quando ogni cosa sembra andare per il verso giusto e Marta pare aver trovato un nuovo equilibrio, tutto viene messo in discussione dall’incontro con Philip Martinez, un uomo d’affari arrivato dall’Inghilterra. Philip è biondo, distaccato ed incredibilmente elegante: l’esatto opposto del tipo di uomo da cui Marta si sente attratta. Ma gli basterà un sorriso per fare breccia nel suo cuore. Se soltanto non fosse il figlio del suo cliente più importante...

All'inizio confesso di aver fatto un pò fatica a seguire la storia perchè ci sono molti personaggi e parlano tutti insieme.
Non mi piace tanto quando parlano tutti insieme in un contesto caotico dove non si è ancora capito niente della storia. Qui inizia un pò così, senza nemmeno aver capito chi è tizio e chi è caio, parlano insieme in un caos che ho dovuto faticare per capire chi erano quelle persone che parlavano.
Poi per fortuna tutto diventa meno caotico e più interessante.


Abbiamo Marta una spagnola tutto pepe che ha cresciuto una figlia tutto da sola da quando ne è rimasta incinta a 15 anni. E poi abbiamo Phil un inglese tutto d'un pezzo.
Un binomio impensabile il loro, un duo che non porterà da nessuna parte e invece ecco che qui vale il detto gli opposti si attraggono perchè tra loro ci sono solo e sempre scintille ma in senso buono.

Ammetto che il loro primo incontro, anzi i loro tre primi incontri mi hanno lasciata un pò perplessa. Si vedono per caso in tre occasioni diverse e tutto sembra tranne che tra loro succederà qualcosa. Quando però finalmente tra loro scatta qualcosa ecco che il romanzo si fa più interessante. Fino a questo momento, confesso che la lettura non mi aveva presa più di tanto.

Ammettendo l'attrazione fisica che provano, i due decidono di siglare un patto: divertirsi senza complicazioni.
Sono entrambi usciti da relazioni complicate e adesso cercano solo pace, credono che in quell'accordo possano vivere di serenità. Ma non hanno fatto i conti con i sentimenti che quando diventano forti rendono il patto privo di qualsiasi valore.

Una storia che non pecca di originalità ma che una volta ingranata, riesce ad attirare l'interesse. Peccato non da subito, infatti è la maggiore pecca di questo libro, ci mette veramente un pò a diventare interessante.
Entrambi i protagonisti sono due persone forti e determinate che nella vita hanno lottato per arrivare dove sono adesso. Sono due teste dure piene d'orgoglio ma che quando amano, lo fanno con tutto il cuore.
Sono diversi anche per cultura, eppure insieme si completano e quando finalmente riescono ad ammettere anche a loro stessi questa ovvia verità, tutto diventa più facile.

Marta è stata indipendente per tutta la vita e adesso non riesce ad accettare che adesso senta così il bisogno di avere un uomo accanto. Dal canto suo, Phil non ha mai dovuto rincorrere una donna e adesso Marta lo sta facendo impazzire col suo carattere burbero e schietto e per la prima si ritrova nelle vesti di predatore e non di preda.

Oltre a loro ci sono gli amici di Marta, chiassosi, senza peli sulla lingua e molto caotici che ho apprezzato man mano ma non subito. Loro sono i primi ad accorgersi di quanto Marta sia presa dal biondo inglese. Così come Karen e Marc rispettivamente sorella e socio di Phil riconoscono che Phil sia completamente partito per la bella spagnola. Quello che appare evidente a tutti, poi risulterà ovvio anche a loro, e per fortuna altrimenti sarebbe stata una storia troppo ripetitiva invece per fortuna non succede.

Poi c'è la figlia adolescente di Marta, un personaggio che sinceramente avrebbe meritato qualche schiaffo in più di un'occasione. Il suo rapporto con la madre non è solo quello tra genitore e figlia, ma è anche quello di due amiche per la poca differenza d'età che c'è tra loro e questo comporta a molti problemi. Primo fra tutti, un atteggiamento ribelle e sfacciato che Marta secondo me avrebbe dovuto gestire meglio.
Per fortuna alla fine la ragazzina cresce a capisce i suoi sbagli e a quel punto, Marta può tirare un sospiro di sollievo. Infondo la ragazza è testarda e cocciuta come lo è lei e certe volte Phil ha una pazienza che non tutti possederebbero al suo posto.

L'atmosfera spagnola è evidente per tutto il romanzo, cosa strana per me che non ho mai letto niente di questo genere.
Una lettura dedicata a chi ama i rosa come me e i lieto fine assicurati. Se non fosse stato per la caoticità, forse gli avrei un giudizio più alto perchè tutto sommato la lettura non è stata spiacevole, solo che mancava di quel qualcosa in più.

Valutazione 3/5










7 commenti:

  1. Anche io non amo molto i romanzi corali, non riesco a vedere il cuore di ognuno, non so se lo leggerò questo libro devo dire che la trama non mi entusiasma ma sono felice di aver letto la tua bellissima recensione che mi ha permesso di focalizzarlo benissimo! un abbraccione enorme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Ely,
      forse strutturato meglio mi sarebbe piaciuto di più. Invece a parte la confusione ci ha messo un pò a ingranare, peccato!

      Elimina
  2. Bellissima la trama ...mi ispira molto me lo metto nella mia readlist....buon weekend Vero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Veronica!
      Di sicuro è una lettura che va benissimo per l'estate, perchè poco impegnativa. Fammi sapere, se la leggi, cosa ne pensi!
      A presto

      Elimina
  3. Ciao carissima!!
    Avevo il libro nelle prossime letture ma ora non sono più sicura di volerlo leggere. Per questa volta la mia lista non si appesantisce! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lista esulterà :D
      E' una lettura carina ma niente di entusiasmante, tienila presente per quando vuoi una cosa leggera

      Elimina
    2. Ci penserò! ;)

      Elimina